Guida per piantare i bulbi da fiore

Piantare i bulbi da fiore può essere non solo estremamente divertente, ma può produrre risultati inaspettati nei nostri giardini e terrazzi. Le piante bulbose, infatti, forse per un fattore dovuto alla loro provenienza, sono estremamente resistenti alle basse temperature e alle intemperie. Questo rende possibile piantarli e metterli nelle situazioni ottimali per fiorire con pochissime operazioni: i vostri bulbi da fiore inizieranno la fioritura in primavera e appassiranno solo con il sopravvenire dell’inverno per poi ricominciare il ciclo in maniera autonoma alla primavera successiva.

Proprio per queste loro qualità, dunque, i bulbi da fiore rappresentano la soluzione ideale per chi non sia esperto di giardinaggio o per chi non abbia molto tempo da dedicare alla manutenzione del proprio giardino. È importante, però, seguire un procedimento semplice, ma al tempo stesso molto preciso.

Per questa ragione, nelle prossime righe, vi forniremo una piccola guida alla coltivazione dei bulbi da fiore. Grazie a queste indicazioni potrete ottenere anche voi delle splendide piante fiorite con le quali adornare il vostro giardino.

1.    Scegliete i bulbi da fiore

La prima cosa che dovrete fare, dunque, è recarvi in un vivaio per acquistare i bulbi da fiore. Dovete sapere, però, che malgrado le piante bulbose abbiano caratteristiche molto simili tra loro, presentano delle differenze sostanziali. Vi consigliamo, dunque, di scegliere i vostri bulbi da fiore in base al vostro gusto, ma anche in base al clima e allo spazio di cui disponete nel vostro giardino.

I narcisi, per esempio, sono molto resistenti e richiedono pochissime cure, soluzione ideale per chi teme di non dedicare abbastanza tempo al giardinaggio. I tulipani, invece, hanno il vantaggio di essere disponibili in ben 110 specie e in tantissimi colori, il che rappresenterebbe una soluzione intelligente per chi vuole donare al proprio giardino un tocco di colore.  Per chi non vuole aspettare l’arrivo della primavera per vedere i primi fiori, invece, l’ideale sono i bucaneve, che fioriscono alla fine dell’inverno. Se, invece, il vostro giardino o il vostro terrazzo è ben esposto al sole, allora potrete optare per i girasoli.

Quando acquistate i bulbi, inoltre, verificate che siano stati conservati in un luogo fresco e asciutto, ragione per la quale vi consigliamo di recarvi in un vivaio e di non acquistare i bulbi in supermercati o simili. Fate attenzione, inoltre, a verificare che questi non siano stati attaccati da parassiti.

2.    Acquistate la terra giusta e dell’argilla

Sempre nel vivaio in cui acquisterete i bulbi, potrete acquistare la terra nella quale piantare i vostri bulbi da fiore. Anche questa dovrà essere scelta in base alle caratteristiche della pianta bulbosa sulla quale avete orientato la vostra scelta. Vi consigliamo, inoltre, di acquistare della sabbia, per far sì che il terreno non raggiunga un eccessivo livello di umidità, che potrebbe danneggiare i bulbi. L’aggiunta di argilla, inoltre, ne incrementerà la fioritura.

3.    Piantate i bulbi da fiore

A questo punto potrete procedere con la coltivazione. Scegliete, dunque, il luogo dove piantarli, ovviamente tenendo conto delle caratteristiche del bulbo che state per piantare e il periodo preciso in cui farlo. Solitamente i bulbi da fiore vanno piantati in autunno, per la precisione da settembre ad ottobre, ma il periodo ideale nel quale piantarli varia da specie a specie.

Scavate, dunque, una piccola fossa ad una profondità pari alla metà dell’aspettativa di crescita dello stelo e piantate ciascun bulbo ad una distanza di circa 2 centimetri. Potrete scegliere, inoltre, di piantare più varietà di bulbi da fiore. Piantando diverse tipologie di bulbi vicine tra loro, potrete contare sulla nascita di interessanti ibridi. Quando avrete piantato i bulbi, ricopriteli con della terra e annaffiate il terreno.

4.    Annaffiate i bulbi

A questo punto i vostri bulbi da fiore inizieranno in maniera autonoma la loro crescita. Solitamente le piante bulbose amano le grandi quantità di acqua, per cui annaffiate il terreno con frequenza, ma facendo attenzione a non eccedere. Considerate, infatti, anche le naturali precipitazioni e i periodi di secca.

A questo punto non vi resta altro che aspettare che i vostri bulbi da fiore inizino la loro fioritura. Questo avverrà nel periodo che va dalla fine dell’inverno, come succede ad esempio per i bucaneve, agli ultimi mesi della primavera, come accade, invece, per alcune varietà di tulipani. Buon divertimento!

Cancelli in ferro per il giardino: ecco come sceglierli

I cancelli in ferro rappresentano la soluzione più efficace per proteggere la propria casa e per evitare intrusioni di malintenzionati in giardino: perfetti per garantire la massima sicurezza possibile, si fanno apprezzare anche per il loro aspetto estetico elegante e imponente. Il ferro, inoltre, è un materiale che si fa ammirare per la sua stabilità e per la sua robustezza, ma soprattutto per la sua capacità di resistere all’usura e a tutti gli altri problemi che potrebbero scaturire per effetto di fattori esterni, primi tra tutti gli agenti atmosferici meno favorevoli. Ecco perché questi cancelli sono in grado di durare a lungo nel tempo, mantenendo inalterate le proprie funzionalità nel corso degli anni, e riescono a sostenere qualsiasi tipo di pressione, tanto in campagna quanto in città: eventuali urti dovuti al contatto con mezzi di trasporto non lasciano tracce (se non nei veicoli stessi).

Un cancello in ferro, dunque, resiste alle intemperie in maniera ottimale: il ghiaccio, il freddo, la pioggia o la neve non sono nemici imbattibili, e ovviamente nemmeno la luce diretta del sole contribuisce a danneggiarlo. Insomma, si tratta di un manufatto che è pressoché indistruttibile e che è destinato a vivere in eterno; l’indeformabilità è un’altra dote che merita di essere presa in considerazione in vista di un eventuale acquisto.

Cancelli in ferro: ecco perché sono affidabili

Tra le varie proposte a cui si può fare riferimento, vale la pena di valutare l’opportunità di ricorrere ai cancelli in ferro battuto artigianali anche per la resa visiva che garantiscono: il loro effetto decorativo si traduce in una grazia speciale, in grado di impreziosire e di mettere in risalto il contesto in cui si trovano. Conservati al naturale o verniciati, questi cancelli possono essere scorrevoli, a un’anta o a due ante: tanti modelli differenti permettono di individuare la soluzione più in linea con le proprie necessità e con i propri gusti.

Prendendo in esame nel dettaglio le varie proposte, i cancelli con una sola anta sono quelli che consentono il transito delle persone, mentre quelli a due ante vengono impiegati per favorire il passaggio dei veicoli. Meno ingombranti sia rispetto ai primi che rispetto ai secondi sono i cancelli scorrevoli, a loro volta ideali per il transito di mezzi di trasporto, che non si basano su un’apertura interna o su un’apertura esterna ma fanno riferimento a un’apertura orizzontale. Insomma, che si abbia bisogno di arricchire il proprio giardino con un elemento di arredo sofisticato e dall’impatto piacevole o che si abbia la necessità più pratica di proteggere il proprio spazio verde rispetto a possibili intrusioni da parte di malintenzionati, il ferro è il materiale a cui affidarsi per la scelta di un cancello, sia per le sue doti decorative che per la sua robustezza. E ciò vale sia per gli ambienti urbani che per i contesti più decentrati, in periferia o campagna.

GLI ARREDI DA GIARDINO

Così come si ama abbellire ed arredare l’interno delle case, anche l’esterno, e quindi i giardini, necessitano di essere curati nei minimi particolari. Gli arredi da esterno sono davvero molteplici, quindi la scelta deve sempre essere attuata prendendo in considerazione la tipologia del giardino, la collocazione a Verona, lo stile della casa ed il suo arredamento interno. Gli arredi vanno quindi dai semplici tavolini con sedie per facilitare i pranzi all’esterno, ai salotti e lettini, preposti al relax ed al riposo. I gazebo, sono un elemento d’arredo bello ed utile da avere, difatti può rappresentare un ottimo riparo per il sole o temporali improvvisi. Ed essere utili per organizzarvi feste e buffet. Tra gli altri arredi sono da ricordare le panchine, elemento tipico di qualsiasi tipologia di giardino, le casse-panche o gli armadi da esterno ottimi ripostigli per alleggerire l’interno.

 

Per quanto riguarda i materiali, anche i questo caso, come gli arredi, sono davvero tantissimi da scegliere. Spaziamo dal legno, il materiali più scelto ed utilizzato, al pvc, di recente scoperta, dalle fibre naturali all’alluminio, scelto maggiormente per le casse-panche o gli armadi da esterno, quindi effettivamente per quei complementi d’arredo a carattere pratico, fino al ferro battuto, capace di adattarsi a tutti gli stili. Ovviamente anche i materiali andranno a rispecchiare le caratteristiche del giardino come quello dell’abitazione stessa.

Kirivo online: tutto per il giardino e il giardinaggio

opti-kirivo-it_vendita-on-line-prodotti-per-giardinaggio

Kirivo online offre un mondo di soluzioni per il giardino a portata di mouse. Se il tuo lavoro o la tua passione sono il giardinaggio, sei sicuramente nell’e-shop giusto.

Grazie ai tutorial su internet e ai programmi televisivi dedicati al pollice verde, il fai da te sta diventando di tendenza anche tra i giovani. È in qualche modo un po’ un ritorno al passato ma è al tempo stesso anche un modo per evitare di ricorrere a interventi di professionisti molto costosi.

Una delle dodici categorie di prodotti proposte dal negozio online Kirivo riguarda proprio la cura e la manutenzione della casa, del giardino e del giardinaggio.

Per coloro che amano il verde ma non hanno un vero e proprio giardino o una grande terrazza, Kirivo propone tantissime idee per portare un tocco di natura negli ambienti interni: vasi e fioriere sono solo alcuni esempi.

Kirivo online: articoli per il giardino

Chi invece ha la fortuna di avere un giardino da arredare può trovare nel catalogo Kirivo online proposte per gazebi, tavoli e sedie da giardino dove poter degustare colazioni pranzi e cene tra amici. Non cè che da sbizzarrirsi. Per ogni pranzo che si rispetti in giardino, non possono mancare le pietanze cotte alla brace. Infatti, su Kirivo.it, è possibile trovare il barbecue più adeguato in base alla fascia di prezzo, alle dimensioni e a tipo di l’accensione.

Kirivo online: articoli per il giardinaggio

Per quanto riguarda il giardinaggio, kirivo online propone una vasta gamma di attrezzature manuali e di strumenti elettrici come tagliasiepi e tosaerba. Il catalogo include diversi modelli e range di prezzo, fino all’attrezzatura professionale per giardinieri e ditte specializzate nella cura di siepi e giardini. Quanto all’irrigazione del giardino, è riservata un’intera sottocategoria da poter consultare e ordinare ciò che può fare al proprio caso.

Per refrigerarsi dalle torbide giornate estive e far divertire, Kirivo offre idee di piscine montabili di varia grandezza e di diverso materiale e ovviamente tutto ciò che occorre per la manutenzione delle piscine e i diversi accessori.

Le forme di pagamento sono trasparenti e la gestione dei dati sensibili rispetta le norme sulla privacy. Cosa molto importante è la rintracciabilità della provenienza del prodotto e la possibilità di essere rimborsati in caso di difetto del prodotto o ripensamento. In questo modo è garantita la massima sicurezza su acquisti online e pagamenti.

Recinzione bamboo, soluzione economica per il giardino

dado-banbamboo-com-001_recinzione-bamboo

Ci sono diversi modi per delimitare un giardino. Hai già dato un’occhiata in giro? Il mercato propone numerose tipologie di recinzioni e reti, adattabili in base alle tue esigenze. Cosa scegliere? Dipende da quello che ti serve e dal budget. Una cosa è certa: non puoi permetterti di creare una recinzione da rifare da capo dopo pochi mesi. Hai bisogno di un materiale che garantisca almeno una discreta resistenza a urti e intemperie. Il bambù è fra questi.

Una recinzione in bamboo – come ci hanno spiegato gli esperti di banbamboo.com – ha diversi vantaggi. Si tratta di un sistema ecocompatibile, perché totalmente naturale, composto da una serie di arelle unite fra loro, da srotolare lungo una rete metallica alla quale vengono fissate con dei ganci particolari.

Utili per tante ragioni

Le recinzioni in bamboo sono belle da vedere, durature nel tempo ed economiche. Utili per delimitare qualsiasi spazio e difenderlo da occhi indiscreti, in giardino hanno più funzioni, ad esempio:

  • proteggono piante e fiori dal vento;
  • impediscono l’invasione, da parte del giardino adiacente, di vegetazione e siepi;
  • proteggono il tuo giardino da inquinamento e gas di scarico;
  • isolano dal rumore.

Quanto costa costruire una recinzione in bambù

Di bambù, in commercio, ce n’è di diversi tipi e dimensioni, ma è soprattutto la qualità a fare la differenza in termini economici. Come anticipato, però, il bamboo è abbastanza economico e le arelle costano al massimo 5-7 euro per metro quadrato. A questa spesa dovrai aggiungere i costi di: recinzione metallica (da ricoprire con le canne), filo di legatura e filo di tensione.
La maglia metallica – rettangolare o romboidale – costa dai 15 euro al metro quadro in su. La trovi in ferramenta, oppure nei negozi dedicati al fai-da-te e al giardinaggio. Il filo da legatura, invece, realizzato con metallo plasticato o zincato, viene venduto in rotoli da 100 metri, ad un costo variabile fra i 5 e i 10 euro. Per mantenere la rete ben tesa e compatta alle arelle, infine, dovrai usare dei fili di tensione, da far passare sopra e sotto la recinzione. Il costo di 100 metri di filo di tensione, solitamente, varia fra i 15 e i 20 euro.

Per concludere: fa molta attenzione nello scegliere il tipo di materiale con cui creare il recinto per il tuo giardino. Sarà quello a determinare l’investimento da fare, la manutenzione nel tempo e la sua durata. Un buon compromesso fra qualità e basso costo è il bambù, materiale ecologico e prestante, utilizzato da secoli. Noi lo consigliamo, hai già avuto modo di testarne le prestazioni?

Come arredare un giardino low cost

Chi ha un giardino sa che, con l’arrivo dell’estate, è sempre di più il tempo da trascorrere all’aria aperta con braciate tra amici o semplici aperitivi. È importante quindi avere un giardino che sia confortevole e che possa accogliere i nostri ospiti facendoli sentire a casa. L’ideale sarebbe quello di avere un ampio giardino con tanto di tavolini, sedie, panchine, angolo barbecue, cassetta degli attrezzi e tanti utensili per la cura e la sua manutenzione. Per avere un giardino curato e vivibile è necessario avere anche tanta passione non solo per la natura ma anche per il fai da te.

Arredare un giardino non comporta grandi spese a livello economico basta saper scegliere a chi rivolgersi.

L’acquisto on line di articoli per il giardino potrebbe essere l’ideale, basta combinare qualità e convenienza in un solo colpo. Online è possibile acquistare tutto ciò di cui avrete bisogno per arredare low cost il vostro giardino senza rinunciare a stile ed eleganza e soprattutto valorizzando tutti gli spazi esterni. Ma quali sono i principali aspetti da tenere in considerazione per cominciare ad arredare il proprio giardino in modo economico?
Prima di tutto è necessario porre la propria attenzione sullo stile dell’ arredo da giardino . Lo stile deve rispecchiare il nostro modo d’essere e il nostro modo di fare. Inoltre quando si arreda un giardino è necessario creare un filo di continuità con quello che è l’interno della casa anche se per gli esterni potete dare ancora più sfogo alla creatività e alla fantasia. Potete andare da uno stile country ad uno classico, dallo stile completamente in legno ad uno più ricercato con accessori in ferro. Insomma avete un’ampia gamma di scelta basandovi anche sulle varie fasce di prezzo. Per arredare un giardino low cost dovrete stare molto attenti anche alla qualità degli articoli da giardinaggio: panchine, sedie, tavoli, altalene, salottini etc… dovranno essere realizzati con un materiale super resistente, specifico per resistere alle aggressioni degli agenti atmosferici come sole e pioggia.

 

Arredo giardino Eurobrico
Un altro suggerimento per arredare il proprio giardino low cost è di isolare una piccola area e creare una copertura sotto la quale ripararsi in caso di troppo sole o in caso di pioggia. Oppure dove è possibile creare una zona d’ombra e di frescura specie nelle ore più calde della giornata. È possibile realizzare la copertura con l’acquisto di gazebi, ombrelloni, pergole, tende in materiale naturale e addirittura la pavimentazione da giardino. Questa area coperta potrà essere arricchita con un’amaca e tende da sole o semplici tende in materiale naturale come bambù e ciniglia. E che ne direste delle siepi artificiali per arricchire e rendere più personalizzato il tuo arredamento da giardino? Una soluzione economica per chi non ha la possibilità di far crescere delle siepi vere e di prendersene cura.
Un altro aspetto da non sottovalutare quando si arreda un giardino low cost è optare per un buon sistema di illuminazione che vada al di là di semplici ed anonimi lampioni sparsi lungo il perimetro del giardino o in punti isolati. Un’idea potrebbe essere quella di combinare estetica e funzionalità il tutto accompagnato dai costi economici degli articoli per l’illuminazione da giardino. Potete scegliere anche dei faretti ad energia solare da piazzare nei punti strategici del giardino: lungo un vialetto, nei pressi della zona coperta, dove sta una siepe o un cespuglio o dove sta posizionata una fontanina.
Ebbene sì perché per rendere un giardino bello da vivere ma anche da guardare, anche l’occhio vuole la sua parte . Gli elementi decorativi sono essenziali e con pochi euro avrete la possibilità di decorare ogni angolo del giardino creando un ambiente che rispecchi interamente il proprio essere.

Come tagliare rovi, piante infestanti ed erba alta, folta e spessa: guida completa

È trascorso molto tempo dall’ultimo taglio del prato? Per il diserbo delle piante infestanti e la rimozione tramite taglio di erba, sterpaglie, arbusti e piccoli cespugli indesiderati si sconsiglia di utilizzare i tradizionali tagliaerba e di usare, invece, un apposito decespugliatore, strumento particolarmente indicato per terreni di piccole e medie dimensioni e per le aree in pendenza.

I decespugliatori sono adatti alla falciatura di qualsiasi tipo di erba ed alla frantumazione di rovi, sterpaglie ed arbusti anche di ragguardevoli dimensioni, con la dovuta cautela ed avendo cura di adottare i più idonei dispositivi di protezione e sicurezza personale, ossia una maschera dotata di apposita visiera, un paio di guanti da lavoro di qualità, una tuta intera, delle cuffie per le orecchie ed un paio di stivali o di calzature robuste, meglio se antinfortunistiche, dotate di puntale in acciaio.

In presenza di erba molto alta e di erbacce resistenti si consiglia di procedere con la falciatura muovendo l’apparecchio dapprima verso destra, tagliando la parte superiore dell’erba, e successivamente verso sinistra, lavorando sulla parte inferiore. In questo modo il materiale falciato andrà a ricadere sulla superficie già tagliata.

Se il terreno su cui vi accingete a decespugliare è in pendenza, suggeriamo di adottare il cosiddetto metodo delle strisce, falciando dapprima la striscia parallela al piano in pendenza, per poi tornare indietro nella fascia falciata e procedere con il taglio della striscia successiva, sopra la precedente. Il prodotto della falciatura e della frantumazione può essere raccolto ed accumulato per il compostaggio o lasciato in loco.

Il decespugliatore è lo strumento più indicato per il taglio dell’erba particolarmente alta, folta e spessa e per l’eliminazione di arbusti, che, altrimenti, andrebbero rimossi manualmente. Il decespugliatore è altresì indicato per il taglio e la rimozione di cespugli indesiderati, rovi e piante infestanti, da eliminare alla base.

Rose e numerologia: quanti fiori è bene regalare?

Regalare fiori – rose specialmente – richiede un approccio votato alla cura dei dettagli, nel rispetto della complessa simbologia che orbita intorno al mondo floreale e al suo affascinante linguaggio. Ogni fiore ha un proprio codice e sottende un universo di significati impliciti, da decodificare e da rielaborare, per esprimere al meglio le proprie emozioni. Non solo, intorno ai doni floreali vi è tutto un protocollo di regole della buona educazione a cui attenersi per non incappare in gaffe, non solo per ciò che riguarda la tipologia di fiori ma anche in relazione alla numerologia.

Quante rose si regalano?

Prima di inviare fiori a domicilio o di consegnarli personalmente, è bene conoscere l’apparato di norme e convenzioni che riguarda il giusto numero di fiori da porgere in dono. La questione si tinge di sfumature che riguardano il Galateo, la cabala e la superstizione, un complesso di tradizioni e precetti che danno vita a un complesso particolareggiato e affascinante.

Mai in numero pari!

Tradizione vuole che il numero di rose di un bouquet debba essere rigorosamente dispari. Il discorso vale per le rose ma può essere applicato a qualunque tipologia di fiore: secondo la cabala e la divinazione antiche, i numeri dispari sono portatori di cariche positive, generano energia e sono sinonimo di dinamicità; regalare fiori in numero pari, invece, esprime disimpegno o mancanza di coinvolgimento.

Le eccezioni: il 12 e il 6

Superstizione lega la tradizione floreale al numero 12. Si dice che le rose debbano essere regalate in dozzine o in multipli di dodici. La simbologia che si cela dietro alla numerologia del dodici sarebbe riconducibile all’idea dell’impegno eterno. Donare 12 rose ha il significato di “voglio stare con te per sempre”. Per un fidanzamento, invece, Galateo vuole che debbano essere regalate 6 rose rosse, la metà di quante se ne dovrebbero porgere per un matrimonio.

Come funziona la fitodepurazione

Attraverso la Fitodepurazione si procede a depurare gli scarichi delle acque reflue utilizzando esclusivamente il processo naturale di piante in simbiosi con microrganismi. Gli scarichi dove confluiscono le sostanze organiche di impianti civili, come ad esempio il bagno e la cucina, vengono depurati sfruttando le capacità biologiche di autodepurazione di specifiche specie di piante.

 

Un impianto per la fitodepurazione realizzato da fitodepura.com è di facile concezione e costruzione, esistono aziende specializzate in grado di realizzare un sistema di fitodepurazione destinato sia all’uso civile che industriale o pubblico. Per realizzare un impianto di fitodepurazione si procede innanzitutto alla creazione di una fossa impermeabilizzata dove raccogliere le acque reflue. In seguito, in base al dimensionamento del carico organico e idrico da trattare si passerà alla valutazione delle piante da inserire. Nei sistemi di fitodepurazione si utilizzano diverse tipologie di piante, dagli arbusti alle piante galleggianti, dalle canne di palude alle specie con un importante apparato radicale.

 

La Fitodepurazione rappresenta un sistema per il trattamento delle acque reflue ecosostenibile ed economico che offre notevoli vantaggi. Non richiede grandi costi di costruzione e di manutenzione, può essere dimensionato con il minimo impatto ambientale per ogni uso e consente di riutilizzare in sicurezza almeno il 90% dell’acqua depurata, una soluzione efficace e che rispetta l’ambiente.

Progettare i vialetti per il proprio giardino

Se desiderate che il vostro giardino sia particolarmente curato, e che vi siano degli spazi correttamente delimitati per il passaggio delle persone che compongono la famiglia, o per degli ospiti, non c’è niente di meglio che progettare alcuni vialetti che possano fungere da guida verso un’area relax o vero l’entrata / uscita del vostro spazio verde. Spesso elementi “sottovalutati” rispetto ad altri componenti altrettanto essenziali del vostro giardino, i vialetti sono di primaria importanza poichè permettono non solamente di predisporre un’adeguata comunicazione tra le varie zone della vostra proprietà, quanto anche consentire una decorazione del manto erboso piuttosto ad effetto.

 

Considerato tuttavia che si tratta di un elemento piuttosto complesso da valutare e interpretare, il nostro consiglio non può che essere quello di rivolgervi ad un bravo consulente che possa fare un progetto giardino insieme a voi i vialetti del vostro giardino, scegliendo i giusti materiali e la giusta disposizione sul terreno. Ma quante tipologie di vialetti è possibile utilizzare? Un primo tipo di vialetto molto comune è quello realizzato in ghiaia. Sebbene si tratti di una tipologia molto diffusa, e dal prezzo estremamente contenuto, non è certamente il massimo per quanto attiene la semplicità e la fruizione di utilizzo (basti pensare alle situazioni in cui qualcuno dovrà passare con una carrozzina). Bisogna inoltre tenere in considerazione che a fronte di bassi costi iniziali, sono previsti elevati costi nel lungo termine (di manutenzione).

 

Discorso similare vale per i vialetti in pacciamatura di corteccia, in grado di donare al giardino un effetto estetico molto valido, ma sicuramente scomodi per quanto concerne la loro manutenzione (il materiale ha necessità di periodica reintegrazione). Se desiderate qualcosa di più funzionale ma un pò più costoso, è invece possibile optare per dei pratici vialetti in granito o tufo: e se desiderate migliorare ulteriormente il vostro impatto ambientale, sappiate che in commercio esistono materiali provenienti dal riciclo in grado di garantire il top delle prestazioni!