Voglia di verde? Scopri come preparare un prato ad hoc

prato verde giardino

Una parte importante in un giardino è il prato. Avere un bel prato verde e rigoglioso rende l’atmosfera più accogliente e gradevole. Come fare, però, per avere un prato bello e uniforme? E’ necessario preparare il terreno a ricevere il nuovo prato, effettuando alcune semplici operazioni.
Per prima cosa bisogna rimuovere la vecchia erba e e eventuali infestanti. Si può utilizzare una piccola zappa o un tagliazolle. Ultimata questa operazion non bisogna usare diserbanti che inquinano e non permettono la crescita successiva del prato.
A questo punto è necessario creare una laggera pendenza (circa 1% massimo 2%) del terreno rispetto agli edifici.
In seguito bisogna migliorare la composizione del terreno ed, se necessario, utilizzare del fertilizzante di avviamento. Il suolo va innaffiato abbondantemente e lasciato sedimentare per circa una settimana.
In seguito bisogna prendere un rullo da giardino, riempirlo per i due terzi di acqua, e percorrere tutto il terreno.
A questo punto il terreno è pronto per il nuovo prato. Bisogna, però, decidere che erba si desidera e quale si adatta maggiormente al clima e al terreno. Inoltre bisogna scegliere se si desidera coltivare il prato partendo dai semi o se, invece, utilizzare le zolle. La prima soluzione è la più economica e semplice, ma bisognerà attendere mesi prima di avere il proprio prato.
Se, invece, si opta per le zolle, è necessario fare attenzione che siano umide in manier auniforme, senza zone crepate o secche.

Ti sembra troppo complicato e pensavi fosse più semplice?

Prima di procedere potresti cercare un’azienda specializzata nella tua città, come Milano, Verona o Treviso, e farti fare un preventivo. Ad esempio a Verona sono molte le aziende che si occupano di progettazione giardini a Verona, potresti contattarle in modo da valutarne la spesa da sostenere. Tornando a come preparare il terreno, per posare il prato la soluzione migliore è dividere l’intera superficie in zone, per rendere il lavoro più semplice. Se si piantano i semi bisogna dividere la quantità totale di questi a metà. La prima metà la si distribuisce in file parallele, la seconda metà in file perpendicolari alle prime. Infine si procede a smuovere il terreno con un rastrello pre creare circa 3 mm di terra sopra i semi.
Le zolle vanno invece posate in file parallele, ma sfalsate (come se fossero mattoni), adeguando con un coltello la lunghezza delle stesse.
Al termine della semina innaffiare subito i semi con delicatezza e procedere con questa operazione a giorni alterni fino a che non spunteranno i primi fili d’erba. Ci vorranno circa 15 giorni prima di vedere i primi germogli.
Le zole vanno innaffiate per 10 giorni tutte le mattine abbondantemente, fino a che il terreno non è molto impregnato. In questo periodo è meglio non camminare sul prato e per tutto il primo mese è meglio essere molto delicati. Il prato a zolle ci mette infatti parecchio per stabilizzarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>